Immagine

Ceci e baccalà

Tag

, , , , ,

ceci-e-baccala

Annunci

Sono tornata

Tag

, , , , , , ,

Eccomi di nuovo qui.
Era molto tempo che non pubblicavo una delle mie ricette. Purtroppo il tempo per scrivere mi è sempre un po’ tiranno, quello per cucinare invece no. Oggi vi posto una ricetta di un sito che mi piace molto e che consiglio : http://www.cucchiaio.it che poi altro non è che il sito de Il cucchiaio d’argento.

Questo il link alla ricetta Paccheri con friarielli e acciughe in crosta di pane: http://www.cucchiaio.it/ricetta/ricetta-paccheri-friarielli-acciughe-crosta-pane/

… e la foto del mio piatto.

Per questa ricetta, discretamente economica, ho comprato i friarielli verdi piccoli al mercato (io ne ho usati circa 3/4 a testa) e il resto: acciughe, pane, bottarga e paccheri li ho invece acquistati all’Esselunga. I paccheri lisci a marchio Esselunga a mio avviso sono ottimi, hanno una cottura lunga (20 minuti) ma restano intatti e al dente.

img_1905

Cereali d’estate

Tag

, , , , , ,

Ingredienti per circa 3/4 porzioni.

5 cereali : riso, grano avena, orzo, farro (circa 80 g. a testa)
Carne di tacchino affumicato (una confezione)
Pomodorini pachino o pomodorini dolci
Funghetti sott’olio
Carciofini sott’olio
Feta greca (una confezione)
Olio evo
Origano
Sale

Fate bollire in acqua salata i 5 cereali. In commercio esistono delle confezioni con già tutti e 5 i cereali precotti che si cuociono in 10/12 minuti.
Prendete il tacchino affumicato e tagliatelo a dadini, così come la Feta e i pomodorini.
Cercate di tagliare più o meno tutto della stessa dimensione.
Scolate carciofini e funghetti dal loro olio su un foglio di carta assorbente.
Tagliateli a tocchetti.
Una volta cotti i cereali unite tutti gli ingredienti e condite con sale, origano secco (o fresco se l’avete e preferite) e olio evo di ottima qualità.
Prendete un piatto fondo.
Inumidite con acqua fredda il coppapasta, mettetelo al centro deli piatto e riempiete per un altezza di circa 2/3 cm a persona
Schiacchiate in superficie e togliete il coppapasta.

IMG_2843

La mia Parmigiana

Tag

, , ,

Ingredienti per 4 porzioni abbondanti:

3 melanzane
Pomodorini per sugo
Basilico
Aglio
Olio di arachidi per friggere
Olio evo
Sale
Zucchero
Mozzarella di latte vaccino di buona qualità
Parmigiano Reggiano DOP grattuggiato fresco.

Prima di tutto affettate le melanzane e mettete in un piatto a strati con un po’ di sale grosso in modo da eliminare un po’ di acqua di cui le melanzane sono ricche.

Poi preparate il sugo di pomodoro: io faccio sbollentare i pomodori, li privo della pelle, li taglio a tocchetti. Metto in una casseruola un po’ di olio evo e uno spicchiio d’aglio, faccio soffriggere, aggiungo il pomodoro,
un pizzico di zucchero e un cucchiaino di sale.
Faccio cuocere per 10 minuti a fuoco basso e poi aggiungo del basilico fresco in foglie.
Faccio cuocere ancora 5 minuti circa, a fine cottura elimino il basilico.

A questo punto mettete l’olio di arachidi a riscaldare sul fuoco, in una padella larga mettete circa 2 cm abbondanti di olio.
Mettete al centro un pezzetto di pane raffermo, quando friggerà vorrà dire che l’olio ha raggiunto la giusta temperatura.

Pulite le melanzane dal sale e asciugatele molto bene.

Iniziate a friggerle (una volta che l’olio è pronto) devono risultare ben fritte, dorate ma non croccanti e bruciate.
Scolatele bene su un foglio di carta assorbente perchè la melanzana tende ad agire come una spugna assorbendo molto olio.

Tagliate la mozzarella a cubetti e lasciatela su un tagliere di legno in modo che si asciughi un pochino.

Tritate il basilico fresco.

Ora in una teglia o in porzioni singole procedete a strati:
pomodoro sul fondo, melanzane, pomodoro, mozzarella, Parmigiano Reggiano, basilico.

Fate al massimo 4 strati.
Cuocete in forno ventilato a 180° per 15 minuti coperte.
Poi mettere il grill a livello più basso e cuocete scoperte per 5 minuti in modo che si formi una fantastica crosticina.

A mio avviso con questo piatto sta molto bene un vino bianco fresco e aromatico.

IMG_3040

Club Sandwich o Club-House Sandwich

Tag

, , , , , , ,

Il Club Sandwich o Club-House Sandwich, è uno dei panini più famosi al mondo che appartiene alla tradizione anglosassone, infatti, la sua origine risale al 1894 con il signor Richard Canfield proprietario a New York del “The Saratoga Club House” club privato molto esclusivo di gioco d’azzardo, che è veramente esistito negli Stati Uniti alla fine del XIX° secolo.

Esiste però una doppia versione riguardo a chi veramente inventò il club sandwich, la prima vuole che ha inventarlo fu proprio il proprietario del club, Canfield, durante una sera in cui alcune signore rimasero fino a tarda notte a giocare ai tavoli del club poco prima di andare via però gli chiesero qualcosa da mangiare ma a quell’ora, essendo la cucina chiusa e senza personale, Canfield dovette rimediare scendendo in dispensa per vedere ciò che era rimasto della cena, così in fretta e furia preparò con gli “avanzi” dei sandwich che servì caldi. Le signore furono così entusiaste del sandwich che il giorno dopo lo decantarono a tutti i soci, i quali la sera stessa ne ordinarono in grandi quantità. Il successo fu tale che, dal quel momento Canfield lo inserì nel menù ufficiale del Club-House Sandwich. L’altra versione invece vuole il cuoco americano Danny Mears, che lavorava sempre presso il famoso Saratoga Club House ad inventare il sandwich più conosciuto e apprezzato negli Stati Uniti.

Anche se oggi esistono tantissime versioni e varianti del Club Sandwich, tradizionalmente questo sandwich veniva preparato con il pollo, bacon, pomodori, lattuga, maionese e le fette di pane tostato.

Il Club Sandwich più buono al mondo è italiano

Nel 2009 la prestigiosa rivista inglese Monocle Magazine, ha pubblicato per la seconda volta una curiosa classifica chiamata “Travel Top 50”, ovvero, le migliori soluzioni e i dettagli per chi viaggia per affari o per vacanza. La classifica, è stata stilata basandosi sul giudizio di attenti giudici che hanno valutato la qualità dei servizi e delle offerte gastronomiche di bar, snacks, lounges, lobby bars, snacks e tutte le comodità di alberghi, treni, aerei, stazioni e aeroporti.

Ebbene in questa classifica, l’Hotel Park Hyatt di Milano con il suo Club Sandwich, è stato dichiarato il migliore del mondo. Questo magnifico risultato, non è sbalorditivo non solo perché si tratta pur sempre di un sandwich ma perché è il piatto che ha più successo nel menù del lussuoso albergo milanese. Ciò è dovuto soprattutto per la grande ricercatezza degli ingredienti di altissima qualità e attenzione al dettaglio, per esempio il pane viene leggermente tostato per 2 minuti e farcito con uno speciale tacchino maschio di razza spagnola, mentre le uova vengono cotte per 4 minuti ad alta temperatura e la lattuga è del tipo iceberg quindi più croccante e delicata, il tutto accompagnato da patatine fritte a fiammifero. L’Hotel offre anche una versione del Club Sandwich totalmente vegetariana.

Club Sandwich ricetta originale americana: ingredienti
Ingredienti
◾Fette di Pane in Cassetta (n.12)
◾Pomodori (16 fette)
◾Lattuga (12 foglie)
◾Bacon (16 fette)
◾Stuzzicadenti (16)
◾Pollo o Tacchino (400 grammi)
◾Maionese (q.b.)
◾Senape (q.b.)

Come preparare un Club Sandwich Originale:

Anche se si ritiene che il club sandwich nella ricetta originale sia solo con due fette di pane, oggi, è consuetudine farlo con tre fette di pane in cassetta e non più con il pane comune, e creando quello che viene definito panino “a due piani”.

Il pane quindi deve essere del tipo in cassetta e senza bordi che va tostato e poi farcito con i vari ingredienti che possono essere invertiti anche nell’ordine in base alle proprie preferenze personali ma in generale il club sandwich segue il seguente ordine di strati:

•Primo Strato Base: Prendere una fetta di pane tostato e spalmare un generoso strato di maionese e adagiarvi sopra una foglia di lattuga e il pollo e chiudere con un’altra fetta.

•Secondo Strato di mezzo: Nel secondo strato vanno messe le fette di pancetta, precedentemente grigliate, una fetta di pomodoro e strato di maionese, coprire con la terza fetta di pane tostato.

•Dopodiché prendere 4 stecchini lunghi e infilzare il sandwich ai 4 lati. Ciò servirà a mantenere gli strati intatti, quando si taglieranno i quarti con il coltello. Servire come aperitivo o come pranzo.

Club Sandwich: pollo e bacon, tacchino e uova

Il Club Sandwich può essere preparato in tantissimi altri modi basta usare il gusto e la fantasia, sono infatti tantissimi che utilizzano altri ingredienti come:

•il tacchino al posto del pollo

•il pane al posto del pane in cassetta

•il Salmone al posto del bacon e pollo e insieme a zucchine, gamberetti e avocado

oppure, aggiungendo negli strati:

•Formaggio tipo sottiletta o cheddar

•Senape dolce, salsa tonnata o rosa, tabasco, miele

•Uovo a frittata o sodo

•Prosciutto al posto della pancetta

•Pancetta al posto del Bacon

A breve posterò il mio ….. sono entrata in fissa, quindi so che ne usciranno diverse varianti.

Stay tuned.

Ziti di primavera.

Tag

, , , , , ,

Ingredienti per 4 persone:
400 g di pasta di grano duro (io uso gli Ziti Garofalo)
una confezione di Feta greca
4 carote
4 gambi di cuore di sedano
cetriolini sotto aceto
tacchino arrosto

Portate l’acqua a bollore, salate e buttate la pasta.
Tagliate tutti gli ingredienti:
il tacchino a cubetti regolari, i cetriolini a fettine sottili, il sedano – dopo avere tolto la parte filosa – in fettine a ‘becco di flauto’, le carote – una volta lavate e pelate – a strisce molto sottili (potete usare il pelapatate per fare questa operazione)
Condite con olio, sale e limone.
Scolate la pasta e amalgamatevi tutti gli ingredienti.
Finite con un po’ di pepe nero macinato al momento.

IMG_2725

Risotto giallo e rosso.

Tag

, , ,

IMG_2378

Ingredienti x 2 persone:

160 g di riso Carnaroli

Cipolla bianca tritata a piacere

Burro

Vino bianco

Brodo vegetale non eccessivamente saporito

Un etto scarso di slinzega di manzo.

Provola affumicata circa 1/2 etto

Parmigiano Reggiano grattugiato.

Mezzo bicchiere di vino bianco secco.

Preparare il brodo e tenerlo caldo sul fuoco ( non deve continuare a sobbollire )

Tritare finemente la cipolla.

Tritare la slinzega a tenerne una parte per la decorazione.

Mettere in una pentola bassa del diametro di circa 25 cm ( a mio parere sono fantastiche le pentole in ceramica per i risotti ) il burro e la cipolla tritata, fare imbiondire la cipolla e aggiungere la slinzega a pezzettini, farlo insaporire qualche minuto prestando attenzione a non farlo bruciare, aggiungere il riso Carnaroli e far tostare per massimo 3 minuti ( quando il chicco è lucido come se fosse madreperla la tostatura è al punto giusto )

Sfumare con il vino bianco e farlo evaporare bene tutto.

Poi aggiungere il brodo e portarlo a cottura, meglio aggiungerlo un po’ per volta così da controllare la morbidezza del risotto che non deve essere troppo asciutto.

Nel frattempo in una pentola antiaderente mettere il resto della slinzega e farla saltare finché non si arriccia diventando croccante.

In un pentolino antiaderente molto caldo formare una cialda con del Parmigiano Reggiano: creare uno strato omogeneo di Parmigiano e lasciare rapprendere. Togliere dal fuoco e lasciare che si raffreddi: la cialda si staccherà da sola.

A fine cottura togliere il riso dal fuoco, aggiungere la provola a cubetti e un po’ di Parmigiano e mantecare.

Mettere in un piatto piano il risotto ben ‘steso’, sopra le briciole di slinzega croccante e la cialda di parmigiano a lato.

Il raviolo di Natale.

Tag

, , , , , , ,

Raviolone

Ingredienti per il raviolo:

Farina 00 300 g.

3 uova intere

Olio evo un filo

Sale

Ingredienti per il ripieno:

Cavolfiore 200g.

2 zucchine medie

Zucca 200 g.

Olio evo.

Un pizzico di sale.

Formaggio Castelmagno circa 60 g. grattuggiato.

Ingredienti per la fonduta:

Formaggio Castelmagno

Panna da cucina

Impastate farina, uova, un filo di olio evo e un pizzico di sale.

Tagliate a tocchetti piccoli le verdure e fatele cuocere in padella per circa 15 minuti con olio, acqua e un pizzico di sale. Il composto deve essere ben asciutto e morbido. Non molle e acquoso altrimenti uscirà dal raviolo in cottura.

Fate raffreddare il composto e unite il Castelmagno grattugiato. Mescolate bene.

Fate con la pasta dei dischi di 7/10 cm di diametro (usate un ‘coppapasta’ come ho fatto io se l’avete) poi mettete il composto di verdure al centro, chiudete con un altro disco di pasta e schiacciate bene i bordi per evitare che il raviolo si apra in cottura. Per aiutarvi potete inumidire con l’utilizzo di un pennellino e dell’acqua calda il bordo dei ravioli.

Cuocete i ravioli in acqua bollente salata.

Preparate la fonduta sciogliendo in un pentolino la panna a fuoco molto lento (una confezione) e 50 g di Castelmagno circa.

Mettete nel piatto: sotto un po’ di fonduta al centro e sopra, sempre al centro, il raviolone.

PP Muffin.

Tag

, , , , , , , , , , ,

IMG_2107

Ingredienti

3 uova

Farina ’00’ 200 g.

Piselli 200 g.

Prosciutto cotto a dadini 100 g.

Latte 100 ml.

Una bustina di lievito per preparazioni salate.

Olio di semi 100 ml

Parmigiano Reggiano 40 g.

Pecorino 60 g.

Sale

Pepe

Prezzemolo o erba cipollina

Preparazione

Saltate in padella i piselli con il prosciutto e insaporiteli con un pizzico di sale. Io ho utilizzato i piselli in scatola dunque dovete farli saltare solo qualche minuti in modo che rimangano croccanti. Se usate quelli surgelati o freschi dovete cuocerli un pochino prima di aggiungere il prosciutto ma manteneteli sempre croccanti altrimenti all’interno del composto poi potrebbero spappolarsi. Sbattete le uova come per fare una frittata, aggiungere il latte, l’olio di semi e il prezzemolo (o l’erba cipollina se preferite). Aggiungete un pizzico di sale e di pepe. Amalgamate bene e sempre mescolando aggiungete la farina setacciata e il lievito. In ultimo incorporate i piselli con il prosciutto e i formaggi. Mescolate delicatamente. Assaggiate il composto e aggiustate di sale e pepe se necessario. Riempite 12 pirottini da muffin fino al bordo. Cuocete a 180° in forno per circa 25/30 minuti.

Serviteli tiepidi. Potete anche tagliarli a metà e farcirli con una crema di formaggio morbida come se fossero dei mini paninetti.

Crostata di frutta di Titti

Tag

, , , , , ,

30112008298

Ingredienti per la pasta frolla:

Farina 00 250 g.

Zucchero a velo 100 g.

Uova 2 tuorli

Burro 125 g.

Ingredienti per la crema pasticcera:

Farina 00 o maizena 50 g.

Uova 6 tuorli

Latte 500 ml.

Zucchero 150 g.

Un baccello di vaniglia o un cucchiaino di essenza di vaniglia.

Ingredienti per la copertura:

Fragoline di bosco o mirtilli o lamponi

Kiwi

Mandarini

Gelatina (preparato in polvere)

Acqua 100 ml.

Preparazione della pasta frolla: mettete la farina, un pizzico di sale ed il burro appena tolto dal frigo, quindi ancora freddo, nel mixer.  Frullate il tutto fino ad ottenere un composto dall’aspetto sabbioso e farinoso. Ora aggiungete lo zucchero Quindi, formate con il composto ottenuto la classica fontana nel cui centro verserete l’essenza di vaniglia e i tuorli. Amalgamate velocemente il tutto fino ad ottenere un impasto compatto ed abbastanza elastico. Formate con l’impasto ottenuto una palla avvolgetela con della pellicola trasparente  e mettete il tutto a riposare il frigo per almeno mezz’ora. Passata la mezz’ora, la vostra pasta frolla sarà pronta per essere stesa ed utilizzata. Per rendere la pasta frolla più morbida potete aggiungere all’impasto un pizzico di lievito o bicarbonato, anche se la ricetta originale non lo prevede

Preparazione della crema pasticcera: ponete sul fuoco una casseruola capiente con il latte tenendone da parte circa mezzo bicchiere), quindi prendete il baccello di vaniglia, apritelo in due ed estraetene i semi. Aggiungete i semi ed il baccello di vaniglia vuoto al latte portate a leggera ebollizione il tutto, quindi togliete la casseruola dal fuoco e lasciate in infusione la vaniglia nel latte per circa 10 minuti. In una terrina a parte lavorate i tuorli con lo zucchero, aiutandovi con uno sbattitore elettrico dovrete ottenere una crema spumosa e biancastra. Continuando a sbattere unite  a filo un terzo del latte tiepido contenuto nella casseruola poi incorporate la farina setacciata unendola poco alla volta. Eliminate ora il baccello di vaniglia, rimasto nel latte che nel frattempo si è ulteriormente aromatizzato, e versate il composto di uova, farina, zucchero e latte nella stessa casseruola Rimettete il tutto sul fuoco e portate ad ebollizione, mescolando frequentemente. Per profumare la crema potete usare anche una scorza di limone, che toglierete dopo l’infusione, quando viene tolto anche il baccello di vaniglia, oppure qualche goccia di liquore per dolci. Affinché il composto si addensi lasciate sobbollire a fuoco dolce per qualche minuto, continuando a sbattere con la frusta per evitare che si formino grumi. Prendete ora il mezzo bicchiere di latte freddo che avevate tenuto da parte e unitelo a filo alla crema pasticcera, mescolando di tanto in tanto. Spegnete il fuoco e lasciate raffreddare: la vostra crema pasticcera è pronta.

Ora facciamo la torta

Stendete la pasta su una spianatoia infarinata per ottenere un cerchio di diametro di 34 cm circa e dallo spessore di 6/7 mm circa. Foderate uno stampo da 28 cm con carta da forno; con l’aiuto del matterello sollevate la frolla già stesa, posizionatela sulla teglia e premete per far aderire la pasta allo stampo. Livellate i bordi e modellateli con i rembi di una forchetta. Bucherellate il fondo di modo che durante la cottura non si creino delle bolle e  procedete con la cottura in bianco ovvero coprite la pasta con carta da forno e distribuite sulla superficie dei legumi secchi. Cuocete in forno preriscaldato a 180° per circa 20 minuti (la pasta deve cuocersi senza colorarsi eccessivamente). Sfornate la base di frolla e una volta raffreddata, con l’aiuto di una siringa per dolci (o una sac-à-poche), riempite il fondo della crostata con la crema pasticcera. Ora tagliate la frutta e disponetela sulla torta come preferite. Completate spennellando con la gelatina per rendere la torta lucida e compatta.

Ovviamente potete usare la frutta che preferite a seconda della stagione, io però vi sconsiglio le banane e le mele che tendono a diventare scure e non troppo belle da vedere molto velocemente.